Il gioco d’azzardo e la provincia di brescia

Ormai, veramente, crediamo si sia raggiunto il paradosso per quanto riguarda il mondo del gioco d’azzardo! In provincia di Brescia, esattamente a Travagliato, le sale da gioco e le Vlt non possono aprirsi non solo vicino a scuole, ospedali, centri di aggregazione sociale o chiese, ma ora anche nella prossimità delle “santelle”: edicole sacre che spesso si trovano in campagna o lungo le statali. I luoghi sensibili sono sempre di più e sempre più diversificati ed ogni Comune tende a tenere “pulito” il proprio territorio aggiungendo attività sempre nuove. Praticamente le sale da gioco e, comunque, l’installazione di slot machine…. non sanno più dove stare! Ci mancava al consueto elenco dei luoghi sensibili di aggiungere appunto anche le “santelle”: le hanno individuate nel Comune di Travagliato, 13mila cittadini in provincia di Brescia, che ha adottato la legge regionale della Lombardia. Gli apparecchi da gioco sono vietati a 500 metri dai luoghi tradizionalmente più frequentati dalle categorie più “vulnerabili” e praticamente sono banditi -al 99%- in tutto il territorio comunale.

In questa città è stato fatto il primo censimento degli apparecchi da intrattenimento: tre o quattro in ogni locale pubblico, dai bar alle lavanderie, ai tabaccai, tutti regolari e nessuna mancanza da parte degli esercenti. Verranno tenuti sotto controllo, grazie anche al supporto della Polizia Municipale, affinchè sia effettivamente impedito l’accesso dei minori e per accertarsi che i gestori delle “macchinette” vigilino con coscienza ed in modo attento. Nel contempo il Comune promuoverà iniziative di sensibilizzazione puntando particolarmente sulla “questione morale”